Involtini di pesce spada alla Messinese

 

15500387_xxl-INVOLTINI-DI-S

 

Un secondo gustosissimo, mediamente elaborato, sempre presente sulle migliore tavole Siciliane. Ogni zona di mare ne conosce una sua versione, vi presenteremo qui la Messinese, senza formaggio all’interno, per rispettare il piu’ possibile il sapore del pesce spada e degli altri aromi.

 

LA RICETTA PER SEI PERSONE

 

Ingredienti:

  • 1 Kg di pesce spada
  • 2 cucchiai di capperi dissalati
  • 2 cucchiai di uva sultanina
  • 2 cucchiai di pinoli
  • 250 gr di pangrattato
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Una cipolla per guarnire gli involtini
  • 2 spicchi d’aglio
  • prezzemolo finemente tagliato
  • Foglie di alloro q.b.
  • Sale e pepe q.b.

 

Procedimento:

Tagliare il pesce a fettine sottili (circa 40 grammi a fettina) per confezionare gli involtini; spianarle con un batticarne ad uno spessore di circa mezzo cm, prenderne circa 100 grammi e tritarlo con un coltello.

Soffriggere l’aglio schiacciato che appena imbiondisce toglieremo, unire il pesce spada ed il prezzemolo tritati. Dissalere i capperi e aggiungerli al soffritto.

Infine unire il pangrattato, l’uva sultanina e  i pinoli. Aggiustare di sale e pepe e fare insaporire per pochi minuti.

Adagiare su ogni fettina di pesce spada un pò del condimento appena ottenuto, quindi avvolgerli in modo da formare degli involtini e, dopo averli arrotolati, spennellarli con l’olio e poi passarli nel pangrattato rimasto (l’impanatura esalta la morbidezza ).

Man mano che li confezionate preparare lo spiedino procedendo come segue: in una stecca da spiedo in bamboo infilzare una sfoglia di cipolla, una foglia di alloro e l’involtino e poi continuare con cipolla, alloro e involtino. Comporre uno spiedino di quattro involtini e terminare con alloro e cipolla.

Procedere cosi’ fino ad esaurimento degli ingredienti. Una volta completati passateli alla griglia sulla carbonella non troppo ardente. Se non si disponete della carbonella si puo’ benissimo usare anche una piastra adatta allo scopo o una padella antiaderente.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *